Timeline Computer History

Siete pronti per un fantastico viaggio nel tempo?

Scoprirete le persone, gli eventi, le scoperte che hanno portato alla realizzazione dei primi computers fino alle tecnologie più recenti.

Previsioni e concetti, primo utilizzo e invenzioni, sistemi e processori hardware, sistemi operativi, personaggi, linguaggi di programmazione, e le nuove aree di applicazione sono riportati in questa lunga linea temporale.

Buon viaggio!
1962

Atlas

 

Il primo Atlas è stato installato all’Università di Manchester. La macchina era uno sviluppo congiunto tra Ferranti e l’Università. La macchina fu inaugurata il 7 dicembre 1962 ed entrò in uso nel gennaio 1963.

L’università di Londra, che aveva una macchina ordinata, la usò abbastanza presto per un servizio di corriere.

Atlas era un grande progetto che un’università doveva intraprendere. Il valore della macchina di Manchester così come consegnata era di £ 1,5 milioni, che probabilmente supererebbe i £ 20 milioni coi prezzi del 2000.

L’Atlas di Manchester ha fornito un servizio a Nottingham, Edimburgo e Londra ed è stato operativo fino al 1972 quando è stato sostituito da MU5.

La collaborazione con Ferranti era basata sul fatto che Ferranti avrebbe avuto metà del tempo macchina e Manchester l’altra metà. Il costo di manutenzione era del 7,5% del valore del capitale, che era pari ad un addebito di £ 100.000 a Ferranti all’università.

La macchina di Manchester era composta da 10 ripiani ciascuno con 50 circuiti stampati. Conteneva 60.000 transistor e 300.000 diodi.

1963

Il mouse

Nasce il primo dispositivo di puntamento: Il mouse.

Douglas Engelbart, inventore statunitense, ha portato la sua idea alla Università di Berkeley, dove era in fase di sviluppo uno dei primi computer digitali per uso generale, il CalDiC. Dopo aver completato il suo dottorato di ricerca e un breve periodo come assistente professore al College of Engineering, Engelbart ha preso posizione presso lo Stanford Research Institute. Fu lì che scrisse il suo seminale articolo del 1962 “Augmenting Human Intellect: A Conceptual Framework”.

Il primo mouse è stato scolpito in legno e tracciato il movimento tramite due ruote montate sul fondo invece della palla utilizzata nei modelli di oggi.

Durante la Joint Computer Conference al Convention Center di San Francisco, nel 1968, si svolse la dimostrazione pubblica del progetto al cospetto di oltre mille esperti. È possibile osservare le immagini dell’evento che pose le basi di tutto quello che è l’utilizzo odierno del pc.

Alcuni anni dopo la Xerox produsse il primo computer dotato di Interfaccia grafica e mouse, lo Xerox Alto. Successivamente Steve Jobs della Apple Computer, vedendo una dimostrazione alla Xerox dell’uso del mouse, sviluppò una versione più avanzata della stessa idea, il computer Lisa, aumentandone l’usabilità.

 

Univac 490

 

L’ UNIVAC 490 era una macchina con memoria centrale a 16K o 32K a 30 bit; 4.8 microsecondi tempo di accesso . E ‘stato un derivato commerciale di un computer Univac sviluppato per la Marina degli Stati Uniti. Quel sistema era il cuore della Tactical Data System navale che ha aperto la strada all’uso dei computer di bordo per la difesa aerea. Seymour Cray ha progettato questo sistema prima che lasciasse la UNIVAC per unirsi alla Control Data Corporation .

Sono state realizzate 47 di queste macchine (numerate da 101 a 147). Sei sono stati installate presso la NASA e ha giocato un ruolo importante nella Gemini e nelle missioni Apollo. Nel film hollywoodiano Apollo 13 , quando gli schermi prendono vita dopo che il computer di bordo è stato riattivato, questi schermi avrebbero risposto a dei dati inviati da un Univac 490. L’Univac 490 aveva il controllo completo della maggior parte dei dati gestiti dal controllo missione (Houston Mission Control) . L’USAF ne aveva due installati, così come Lockheed. Compagnie aeree che utilizzano il sistema 490 in tempo reale  – principalmente per sistemi di prenotazione aerei Eastern Air Lines (1963) e British European Airways (Beacon – 1964). Altre installazioni commerciali del 490 furono realizzate alla Westinghouse, alla Alcoa, alla US Steel, alla Bethlehem Steel e alla General Motors.

Il sistema operativo standard era REX (RealTime Exec), tranne per la società BEA dove un sistema operativo personalizzato è stato sviluppato per le prenotazioni aeree (contorce – controllo del tempo reale del sistema). Contorce fu l’origine dei successivi sistemi operativi RT dell’UNIVAC per 494 (STARS) e poi convertito alla Serie 1100 (RTOS).

 

 

Teletype Model 33

 

Il terminale Model 33 di Teletype Corporation, introdotto nel 1963, era uno dei terminali più popolari nel settore della comunicazione dati. Oltre mezzo milione di modelli 32 e 33 furono realizzati entro il 1975 e il 500.000esimo fu placcato in oro e collocato in una mostra speciale. Altri 100.000 furono realizzati nei successivi 18 mesi e il numero di serie 600.000, prodotto nel 1976, nel Bicentenario degli Stati Uniti, un modello fu dipinto di bianco e blu e mostrato in giro per gli Stati Uniti.

Un modello 33 costava circa 700 $, molto meno rispetto ad altre teleprinter e terminali di computer all’epoca, come Friden Flexowriter e IBM 1050. I primi terminali video, come Tektronix 4010, non furono disponibili fino al 1970 e costa circa 10.000 $. Tuttavia, l’introduzione di circuiti integrati e memoria a semiconduttore nel corso di quel decennio ha permesso che il prezzo dei terminali basati su tubi a raggi catodici scendesse al di sotto del prezzo di una Teletype. Questi modelli furono gradualmente sostituiti, nelle nuove installazioni, da stampanti ad aghi e terminali basati su CRT dalla metà alla fine degli anni ’70.

E’ con questa macchina che Bill Gates e Paul Allen scrissero la prima versione del basi per il computer Altair.

 

CDC 6600

 

Il CDC 6600 fu il primo supercomputer costruito dalla Control Data Corporation nel 1963. In generale viene considerato il primo supercomputer con un ampio successo commerciale. Divenne il più veloce supercomputer della sua era essendo tre volte più rapido del precedente IBM 7030 Stretch. Rimase il più potente computer del pianeta tra il 1964 e il 1969 quando venne sorpassato dal successore CDC 7600. Fu il primo sistema a implementare lo scoreboarding.

L’organizzazione del CDC 6600 venne utilizzata da CDC per lo sviluppo del più semplice (e lento) CDC 6400 e in seguito per lo sviluppo di un sistema basato su due processori CDC 6400 che divenne il CDC 6500. Queste macchine sono compatibili a livello di codice con il 6600 ma per via del progetto più semplice e sequenziale sono sistemi più lenti. Il successore CDC 7600 inizialmente doveva essere compatibile con il codice del 6600 ma in seguito si abbandono la compatibilità per ottenere prestazioni migliori.

 

 

1964

IBM 360


IBM System/360 (S/360) è una famiglia di mainframe computer annunciati da IBM il 7 aprile 1964 e realizzati tra il 1965 e il 1978. Il progettista capo per gli S/360 fu Gene Amdahl.

La prima università in Italia ad averlo avuto fu quella di Pisa (presso il Centro Nazionale Universitario di Calcolo Elettronico) che serviva anche a fornire connessione per quella di Genova. L’IBM era conservato in una camera refrigerata per il calore che emetteva e solo poche persone potevano accedervi.

I modelli 40, 50, 65 e 75 furono introdotti tutti nel 1964.

 

Alcuni dati:

Modello Frequenza di clock Dimensione della memoria Prezzo
40 1,6 MHz 32 KB – 256 KB 225000 $
50 2,0 MHz 128 KB – 256 KB 550000 $
65 5,0 MHz 256 KB – 1 MB 1200000 $
75 5,1 MHz 256 KB – 1 MB 1900000 $

 

 

 

DEC PDP-7

 

Il DEC PDP-7 è un minicomputer prodotto da Digital Equipment Corporation., Il primo a utilizzare la tecnologia Flip-Chip, con un costo di soli $ 72.000, era economico ma potente. Il PDP-7 era il terzo dei computer digitali a 18 bit, con essenzialmente la stessa architettura di set di istruzioni del PDP-4 e del PDP-9. È stato il primo PDP avvolto in filo metallico.
Nel 1969, Ken Thompson scrisse il primo sistema UNIX in linguaggio assembly su un PDP-7, poi nominò Unics come un gioco di parole un po ‘infido su Multics, come il sistema operativo per Space Travel, un gioco che richiedeva grafica per rappresentare il movimento dei pianeti . Un PDP-7 era anche il sistema di sviluppo utilizzato durante lo sviluppo di MUMPS alla MGH di Boston qualche anno prima.
Ci sono ancora alcuni PDP-7 rimasti in condizioni operative, insieme a uno in restauro a Oslo, in Norvegia.

 

1965

Olivetti Programma 101

 

L’Olivetti Programma 101 (sigla P101) è stato un computer sviluppato dalla ditta italiana Olivetti negli anni tra il 1962 e il 1964 e prodotto tra il 1965 e il 1971. Presentato per la prima volta alla grande esposizione dei prodotti per ufficio BEMA di New York nell’ottobre 1965, fu progettato dall’ingegnere Pier Giorgio Perotto (in omaggio al quale assunse il soprannome di Perottina) insieme a Giovanni De Sandre e Gastone Garziera. Il designer Mario Bellini le conferì un disegno avveniristico per l’epoca.

È considerato il primo «desktop computer» commerciale programmabile, motivo per cui viene definito anche come il primo «personal computer» della storia.

La macchina era dotata di funzioni logiche, salti, registri, memoria interna e possibilità di salvare dati e programmi su un supporto magnetico esterno. Il suo funzionamento anche se ridotto in istruzioni, memoria e complessità era del tutto simile ai grandi computer mainframe dell’epoca. Operava su registri numerici, input ed output invece erano alfanumerici.

Le unità vendute della P101 furono circa 44 000: un numero molto elevato considerando il periodo storico nel quale la diffusione delle attrezzature informatiche era ancora limitata. Anche per questo motivo è considerata il primo elaboratore portatile di massa.

 

Vedi documentario “Quando Olivetti inventò il primo Personal Computer”

 

Vedi intervento di “Gastone Garziera alla serata Historybit”

 

Fondazione della Commodore

 

La Commodore fu fondata da Jack Tramiel, un canadese autocratico di origini polacche sopravvissuto ai campi di concentramento nazisti tedeschi della seconda guerra mondiale.

La Commodore Business Machines è stata originariamente fondata come attività di riparazione e assemblaggio di macchine da scrivere nel 1954 da Jack Tramiel, un sopravvissuto al campo di concentramento di Auschwitz che divenne leggendario per la sua capacità di individuare le tendenze e per i detti che includevano “vivere nel futuro”, “computer per le masse” , non le classi “e” business is war “.

Nel 1965, in seguito al fallimento e all’accusa di uno degli investitori originali (Atlantic Acceptance), Jack Tramiel trovò un nuovo investitore, Irving Gould. Questa partnership ha salvato Commodore più di una volta, ma ha anche modellato il suo futuro lungo ripetute lotte per il controllo e la direzione.

All’inizio degli anni ’70 Commodore si era diversificata in una linea di calcolatori di successo, fino a quando nel 1975 Texas Instruments, il principale fornitore di chip per calcolatori, entrò direttamente nel marchio, introducendo dispositivi a un prezzo inferiore a quello che vendeva i pezzi a Commodore.

Commodore apprese dall’esperienza del 1975 e nel 1976 acquistò la tecnologia MOS, che ha portato non solo capacità di progettazione e fabbricazione di semiconduttori, ma anche ingegneri come Chuck Peddle, il progettista della CPU 6502 e dei computer KIM-1 e PET di Commodore.

Avere una produzione di chip interna ha dato alla Commodore diversi vantaggi, tra cui:

 

Tempi più brevi dalla progettazione alla produzione
Cicli di miglioramento più stretti
Componenti altamente personalizzati e integrati
Meno parti nei suoi computer
Riduzione dei costi complessivi
Migliore controllo sulle sue forniture

DEC PDP-8

 

Il PDP-8 (Programmed Data Processor-8) è stato il primo minicomputer commerciale della storia che abbia avuto successo. È stato prodotto dalla Digital Equipment Corporation (DEC) negli anni sessanta e fu il più venduto computer della serie PDP. Costava all’epoca 16.000 dollari.

Il PDP-8 era un computer a 12-bit. Nella sua configurazione standard aveva una memoria principale di 4,096 parole a 12-bit (4000 parole equivalevano a 6 kilobyte), espandibile a 32,768 parole (32000 parole / 48 KB). All’inizio il PDP-8 aveva solo 8 istruzioni e due registri (un accumulatore a 12-bit, AC, e un Link Register a bit singolo, L).

Il PDP-8 è stato un computer storicamente importante per i suoi progressi tecnologici, per l’I/O, per sviluppo software, e per la progettazione di sistemi operativi.

Il primo modello di PDP-8 (chiamato “Straight-8”) aveva una tecnologia “discreta” (cioè, senza uso di microprocessori) a transistor e con una dimensione simile a quella di un frigorifero. In seguito fu sostituito dal PDP-8/S, più piccolo, meno caro, ma molto più lento rispetto al primo PDP-8.

La sua efficiente architettura a singolo registro accumulatore ha ispirato i microprocessori 6800 ed il 6502.

1967

DEC PDP-10

 

Il PDP-10 era un computer mainframe prodotto dalla Digital Equipment Corporation (DEC) dalla fine degli anni ’60 in poi; il nome sta per “Programmed Data Processor model 10”. Era la macchina che rendeva comune la condivisione del tempo; incombe nel folklore degli hacker a causa della sua adozione negli anni ’70 da molte strutture informatiche e laboratori di ricerca universitari, i più importanti dei quali sono stati AI Lab e Project MAC del MIT, SAIL di Stanford, Computer Center Corporation (CCC) e Carnegie Mellon University.

L’architettura PDP-10 era una versione quasi identica dell’architettura PDP-6 precedente, condividendo la stessa lunghezza di parole a 36 bit e estendendo leggermente il set di istruzioni (ma con una migliore implementazione hardware). Alcuni aspetti del set di istruzioni sono unici, in particolare le istruzioni “byte”, che hanno operato su campi di bit di qualsiasi dimensione da 1 a 36 bit inclusi secondo la definizione più generale di un byte come una sequenza contigua di un numero fisso di bit.

1968

HP 9100

 

La calcolatrice Hewlett-Packard serie HP9100 è stata la prima di molte calcolatrici progettate e prodotte da HP per scienziati e ingegneri. HP introdusse il 9100A a metà del 1968 e seguì il modello 9100B pochi mesi dopo, che aveva il doppio della capacità di memoria. Queste macchine combinavano un display CRT multilinea, capacità di calcolo rapido, funzioni scientifiche, archiviazione multi-registro e capacità di programmazione un pacchetto calcolatrice che si adattava a un desktop. Nel 1968, la società Hewlett-Packard era principalmente un produttore di apparecchiature di prova. L’unico altro prodotto informatico all’epoca era il loro minicomputer 2116A e sia il 9100 che il 2116 erano progettati come strumenti robusti con caratteristiche speciali di utilizzo per la strumentazione e il controllo in combinazione con altri strumenti di prova HP. Quasi 30 anni dopo, l’HP9100B mostrato di seguito sta ancora andando forte.

Però tale dispositivo della HP era fortemente ispirato dalla Programma 101, violando numerosi brevetti, costringendo così HP a pagare a Olivetti 900.000 $ in royalties per l’utilizzo di un’architettura simile e per aver copiato la “famosa” cartolina magnetica.

IBM Floppy 8″

 

IBM testa un disco floppy da 8 pollici con nome in codice Minnow 23FD (inizialmente introdotto nel 1971 per memorizzare la diagnostica in IBM 3330)

ICL – International Computers Limited

 

International Computers Limited (ICL) era una grande azienda britannica di hardware, software e servizi informatici che ha operato dal 1968 al 2002. È stata costituita da una fusione di International Computers and Tabulators (ICT), English Electric Leo Marconi (EELM) ed Elliott Automazione nel 1968. La linea di prodotti di maggior successo dell’azienda fu la gamma di computer mainframe ICL serie 2900.

Negli anni successivi, ICL ha tentato di diversificare la sua linea di prodotti, ma la maggior parte dei profitti dipendeva sempre dalla base di clienti del mainframe. Le nuove iniziative includevano la commercializzazione di una gamma di potenti cloni IBM realizzati da Fujitsu, varie gamme di minicomputer e personal computer e (con maggior successo) una gamma di attrezzature per punti vendita al dettaglio e software di back-office. Nonostante le vendite significative nei mercati esteri, la base mainframe di ICL era dominata da grandi contratti del settore pubblico britannico. Tra i clienti significativi c’erano Post Office Ltd, Inland Revenue, Department for Work and Pensions e il Ministero della Difesa. L’ICL deteneva inoltre una forte quota di mercato con le autorità locali del Regno Unito e (a quel tempo) le utility nazionalizzate, inclusi i quadri per l’acqua, l’elettricità e il gas. Fino al lancio della serie ICL 2900 degli anni ’70, il governo del Regno Unito aveva stipulato un contratto di acquisto preferenziale a gara unica ovunque ICL potesse soddisfare i requisiti. La società fu infine acquisita da Fujitsu e, dopo una vasta ricerca di mercato globale, avviata dall’esperto di marchio Stephen Isherwood, ICL è stato rinominato Fujitsu il 2 aprile 2002.

Il marchio ICL è ancora utilizzato dall’ex joint-venture russa della società, fondata nel 1991.

International Computers Limited è stata costituita nel 1968 come parte del Industrial Expansion Act del Wilson Labour Government. ICL è stata un’iniziativa di Tony Benn, il ministro della tecnologia, per creare un’industria informatica britannica in grado di competere con i principali produttori mondiali come IBM. ICL rappresentò l’ultimo passo di una serie di fusioni avvenute nel settore dalla fine degli anni ’50.

Le parti principali di ICL sono state formate fondendo International Computers and Tabulators (ICT) con English Electric Computers, quest’ultima stessa una recente fusione di Elliott Automation con i computer inglese Electric Leo Marconi. EELM era essa stessa una fusione delle divisioni informatiche di English Electric, LEO e Marconi. Alla sua creazione, il governo britannico deteneva una partecipazione del dieci percento nella società e forniva una sovvenzione di ricerca e sviluppo di 32,4 milioni di dollari per quattro anni.

Durante la sua formazione, la società ha ereditato due principali linee di prodotti: dall’ICT la serie 1900 di mainframe e dall’inglese Electric Computers (EEC) il System 4, una gamma di cloni di mainframe IBM System / compatibili 360, basati su RCA Spectra 70.

A partire dal 1971 il Regno Unito era insolito in Europa per IBM che non possedeva più del 50% del mercato dei computer, sebbene un osservatore affermasse che la società limitava le dimensioni della sua consociata britannica per mantenere in vita ICL. Sebbene sia ancora la più grande azienda informatica europea, ICL aveva una cattiva reputazione. Quando le società furono unite per la prima volta, i libri degli ordini della CEE erano pieni, mentre le TIC (che avevano il doppio dei dipendenti) erano in difficoltà, forse perché era già ovvio che la serie 1900 fosse incompatibile con il resto del settore, con un’architettura basata su una parola di 24 bit e un carattere di 6 bit anziché il byte di 8 bit che stava diventando la norma del settore.

Il nuovo consiglio decise di eliminare gradualmente il 1900 a favore del Sistema 4, ma poco dopo annullò la decisione. È probabile che ciò fosse dovuto alle pressioni sindacali e politiche del governo Wilson. In ogni caso, la maggior parte della scheda CEE originale ha rassegnato le dimissioni per l’interferenza poiché riteneva che la serie 1900 fosse condannata fin dall’inizio, in quanto incompatibile con il resto del mercato. Inizialmente l’ICL prosperò, ma si affidò quasi interamente alla fornitura di computer al settore pubblico del Regno Unito. Il 1900 fu venduto in diversi paesi in tutto il mondo, ma la fetta più grande del mercato era sempre nel Regno Unito, e la maggior parte di essa nel governo, nelle autorità locali e nelle industrie nazionalizzate.

 

CDC 7600 Supercomputer

 

Control Data Corporation annuncia il suo modello 7600, considerato da alcuni il primo vero supercomputer. Il CDC 7600 calcolato ad una velocità di quasi 40 megaflop. Seymour Cray ha progettato questo computer, così come il suo predecessore, il 6600 che era popolare tra i ricercatori scientifici e un successore, l’8600, che l’azienda non ha mai commercializzato.

1969

Honeywell H316

 

Honeywell 316 era un popolare minicomputer a 16 bit costruito da Honeywell a partire dal 1969. Fa parte della serie 16, che comprende i modelli 116 (1965, discreti: 4), 316 (1969), 416 (1966), 516 (1966) e DDP-716 (1969). Sono stati comunemente utilizzati per l’acquisizione e il controllo dei dati, la concentrazione di messaggi remoti, i sistemi di laboratorio clinici, l’inserimento di lavori remoti e la condivisione del tempo. I computer della serie 16 sono tutti basati sul DDP-116 progettato da Gardner Hendrie presso Computer Control Company, Inc. (3C) nel 1964.

Il 516 e successivamente il 316 furono usati come Interface Message Processors (IMP) per l’ARPANET.

Honeywell 316 aveva anche applicazioni industriali. Un 316 fu usato nella centrale nucleare di Bradwell, nell’Essex, come il principale computer di monitoraggio della temperatura del reattore fino all’estate 2000, quando il disco interno da 160k si guastò. Due PDP-11/70, che in precedenza erano stati monitor secondari, sono stati spostati sul primario.

AGP (Apollo Guidance Computer)

 

L’Apollo Guidance Computer (AGC) era un computer digitale di bordo installato in ogni veicolo spaziale del programma Apollo, sia il Command Module (CM) che il Lunar Module (LM). Ha fornito il calcolo a bordo per supportare la guida, la navigazione e il controllo dei veicoli spaziali. L’AGC è stato il primo sistema incorporato riconoscibilmente moderno, utilizzato in tempo reale dai piloti degli astronauti per raccogliere e fornire informazioni di volo e controllare automaticamente tutte le funzioni di navigazione del veicolo spaziale Apollo.

È stato sviluppato nei primi anni ’60 per il programma Apollo dal MIT Instrumentation Laboratory sotto Charles Stark Draper, con un design hardware guidato da Eldon C. Hall. Sulla base di documenti del MIT, i primi lavori di architettura sembrano provenire da J.H. Laning Jr., Albert Hopkins, Ramon Alonso e Hugh Blair-Smith. L’attuale hardware di volo è stato fabbricato da Raytheon, di cui Herb Thaler faceva parte anche del team di architetti.

ARPANET

 

Il 29 ottobre 1969, due computer si collegarono per formare l’ARPANET e lanciare la prima rete di computer ad area estesa a commutazione di pacchetto di successo. Questo primo collegamento, sotto forma di una richiesta di accesso, è stato inviato a SRI International (allora noto come Stanford Research Institute) dall’Università della California, Los Angeles (UCLA). Questo accesso remoto ha avviato una nuova struttura di rete flessibile per la condivisione delle risorse del computer. Pur non essendo ancora un’Internet, ha gettato le basi fondamentali per la successiva Internet e i drammatici cambiamenti nel modo in cui conduciamo affari, comunichiamo, socializziamo, apprendiamo, distribuiamo conoscenza e viaggiamo. L’internetworking iniziò nel 1977, quando anche SRI ebbe un ruolo chiave nella prima connessione conosciuta di tre reti diverse.

L’Agenzia per i progetti di ricerca avanzata del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti (DARPA, quindi noto come ARPA) iniziò il lavoro che portò all’ARPANET a metà degli anni ’60. Un importante l’obiettivo era quello di creare una rete informatica affidabile con ridondanza di rete integrata che fornirebbe comunicazioni affidabili tra i suoi nodi principali e accesso remoto a queste stesse risorse informatiche, anche quando la rete era soggetto ad attacco.

L’ARPANET iniziale era una rete di soli quattro computer situati a quattro siti diversi: primo UCLA e SRI, seguito dall’Università della California, Santa Barbara e l’Università dello Utah. Nel 1972, l’ARPANET comprendeva 37
computers. Negli anni seguenti fu aperto ad altre attività di ricerca e sviluppo siti tra cui altre università, appaltatori di ricerca e laboratori governativi. La sua utilità come piattaforma per il nuovo mondo delle comunicazioni digitali e la condivisione delle informazioni divenne presto evidente.

Penna Ottica

 

La penna ottica è un dispositivo collegato ad un computer che individua il passaggio del pennello elettronico che disegna l’immagine su uno schermo CRT.

Quando il foto-resistore inserito nella penna ottica viene colpito dal pennello elettronico, il computer riceve un segnale e può stabilire le coordinate del punto che viene disegnato in quel determinato istante perché il movimento del pennello elettronico è controllato dai segnali generati dal computer stesso.

Per alcuni computer come il Commodore 64 o l’Amiga è sufficiente collegare direttamente una penna ottica compatibile, per altri, come lo Spectrum o l’Olivetti Prodest o gli MSX, serve anche una cartuccia che contiene componenti elettronici aggiuntivi.

Una forma più moderna della penna ottica è la pistola usata in alcuni videogiochi.

Talvolta i lettori di codici a barre (in inglese barcode scanner) sono chiamati penne ottiche quando hanno la forma di penna. La punta è costituita da una fibra ottica e da un rubino artificiale, all’esterno è protetta da un involucro di acciaio antimagnetico. È particolarmente usata in ambito industriale poiché molto resistente e dotato di un dispositivo che, in caso di caduta accidentale è in grado di far rientrare la punta.

 

1970

MAEL 4000

 

Nata nel 1969 per volere dell’ing. Massimo Rinaldi, la INSEL S.p.A. (Industria Sistemi Elettronici), con sede a Roma, ha progettato e prodotto numerosi sistemi informatici fin dall’inizio degli anni 70. Il nome dell’azienda cambiò nella seconda metà degli anni 70 in MAEL, nome utilizzato nei prodotti che ormai identifica l’azienda stessa.
La sigla MAEL deriva dalle iniziali dei nomi di Rinaldi e della moglie (MAssimo ed ELiana).

L’attività produttiva avviene in in joint venture con il gruppo Pesci nello stabilimento produttivo a Carsoli (AQ).

Nel 1970 produce il primo computer ad uso aziendale, oltre alla tastiera cob il monitor dedicato, o in altri modelli di una telescrivente, era dotato di una curiosa tastiera con un display a Nixie per la programmazione della macchina.

Nel 1975 realizza apparati dedicati per l’automazione globale della riscossione dei c/c negli uffici postali italiani.

I suoi prodotti hanno ottenuto ottimi successi a livello momdiale. basta pensare che nel 1978, dopo solo 8 anni di attività, la MAEL poteva vantare 4300 sistemi installati, di cui il 78% in 16 paesi stranieri, per un valore superiore ai 65 miliardi di lire. Il fatturato1980 è stato di circa 30miliardi di lire.

La distribuzione commerciale avveniva in Italia tramite la SAGA di Roma, e all’estero tramite distributori, tranne in Germania dove l’azienda era presente direttamente con la propria Insel Data System GmbH.

Nel 1980 realizza sistemi fissi e portatili per l’emissione dei biglietti ferroviari, installati nella maggior parte delle stazioni italiane.

Alla fine del 1981, la MAEL vince la gara per l’appalto di fornitura per l’automatizzazione del gioco del Totocalcio. Nel gennaio 1982, la Olivetti acquista il 70% del pacchetto azionario della Mael Computer. Dall’azienda esce la famiglia Pesci e la direzione è affidata a Massimo Rinaldi. In quell’anno in azienda lavorano circa 200 persone.

Nel 1986 l’azienda venne assorbita dalla “Tecnost”.

Nel 1988 realizzerà anche l’automazione del gioco del lotto.

 

 

Abbandonato il settore dei calcolatori l’azienda si dedica alla realizzazione di teminali per l’automatizzazione dei giochi. Il sistema per il Totocalcio, oltre che in Italia, verrà installato anche in Yugoslavia e Grecia, con più di 35.000 unità installate.